Petite messe solennelle all’Opera di Roma

per discutere di tutto quel che riguarda la musica sacra e vocale non operistica
Rispondi
marco_
Messaggi: 386
Iscritto il: 21 gen 2018 14:19

Petite messe solennelle all’Opera di Roma

Messaggio da marco_ » 01 ott 2020 22:31

Riprende la musica al chiuso anche al Costanzi con Bignamini sul podio.

Il giovane direttore di Crema si fa da subito notare per il modo bello e preciso con cui fa suonare l’orchestra: raramente si ascoltano da questa compagine la precisione in tutti gli attacchi, coniugata a suono smaltato e omogeneo fra le sezioni. Notevoli anche il dosaggio delle dinamiche, così come la naturalezza nel concertare il coro (puliti ma senza canna, non è una novità da queste parti) e i solisti. Sono quattro giovani dell’Accademia dell’Opera; da tener d’occhio il soprano Grochala e il mezzo Savignano, due voci sane, ampie, omogenee e assai musicali.

Il concerto procede fluente ma senza troppe emozioni fino al Offertorio. Dal Sanctus vibra nell’aria un’intensità raccolta ed elegantissima, che attraverso l’Hostia conduce a un Agnus Dei trepidante di speranza.

Bel successo di pubblico; come in buona parte delle esecuzioni degli ultimi mesi, mi pare che chi va in sala sia più convinto e consapevole.



Rispondi