L'opera dei Cetra!

Discussioni varie a sfondo musical operistico... ma non solo
Avatar utente
UltrasFolgoreVerano
Messaggi: 16791
Iscritto il: 23 dic 2001 21:42
Località: Verano Brianza (MI)
Contatta:

Re: L'opera dei Cetra!

Messaggio da UltrasFolgoreVerano » 07 mar 2012 21:24

Mi spiace tantissimo anche a me.



Avatar utente
norma
Messaggi: 982
Iscritto il: 04 gen 2004 22:52

Re: L'opera dei Cetra!

Messaggio da norma » 12 mar 2012 23:09

notung ha scritto:Spiace tanto anche a me per Lucia Mannucci, però davvero i Cetra sono patrimonio culturale di tutti noi.
Ma il blog - chiedo a Norma, se legge - come mai non è aggiornato da tanto tempo?
Ciao Notung! Forse avrai visto che il blog ha ripreso vita - causalmente - proprio nel giorno della bruttissima notizia... In effetti negli ultimi mesi siamo stati occupatissimi (ma abbiamo anche aggiunto un piccolo tassello alla gloria di Operaclick :mrgreen: ), ma contiamo di tornare a pubblicazioni più regolari. Abbiamo tanto materiale pronto, sarebbe un peccato non condividerlo!

Un caro saluto a tutti,

Norma
Se dio avesse voluto che credessimo in lui, sarebbe esistito (Linda Smith)

Avatar utente
marcob35
Messaggi: 857
Iscritto il: 07 set 2017 16:59
Contatta:

"Qualche ricordo di Giuseppe Verdi" (Una parodia)

Messaggio da marcob35 » 28 ago 2020 19:36

Oggi non è più possibile un divertimento come quello che si offre nella clip di 12 minuti che segnalo, ma spero sia apprezzata da non più giovani e anagraficamente invece all’opposto.

Il Quartetto Cetra è stato il più popolare e compiuto esempio di una tradizione (quella della parodia musicale) che ha nobili origini. La formazione all’arrivo della televisione italiana ebbe modo-grazie alla inventiva di autori quali Dino Verde e il regista Falqui-la possibilità di realizzare gioielli famosissimi che andavano dai “remake” dei film di Hollywood, ai celebri romanzi della letteratura mondiale (“Biblioteca di Studio uno”, RAI, 1964), alle opere liriche (Svizzera italiana e reti commerciali).

La parodia però ha bisogno di due necessarie condizioni: che il fruitore conosca bene l’intreccio dell’originale e colga i rapporti col materiale costituente il divertimento della giocosa trasposizione: nel caso della musica, si capiscano le somiglianze e gli ammiccamenti proposti.

L’utilizzo delle canzonette del repertorio leggero popolare obbliga poi che esse non solo siano note, ma “correnti”. Oggi con le canzoni tutte uguali e senza o poche rime baciate e melodie non orecchiabili, questo tipo di spettacolo è pressoché impossibile. Alcune formazioni moderne hanno tentato (Oblivìon) di riproporlo.

Non tutte le parodie dei Cetra (sono innumerevoli) hanno lo stesso spessore delle più riuscite, ma in quella qui postata (andata in onda quando la formazione era già anziana, 1980-83) su quella che era “Antenna 3-Lombardia” per una trasmissione che si intitolava “Bingooo", il divertimento c’è. Lì il Quartetto Cetra-su testi di Tata Giacobetti e arrangiamenti di Tito Pagni (Savona era sempre uno dei co-autori)-presenta un ritratto di Giuseppe Verdi, ed i quattro cantanti impersonavano il Maestro, la Strepponi, Giulio Ricordi e Arrigo Boito.

Mentre in altre occasioni fu possibile fruire di una grande orchestra di musica leggera (in genere diretta da Bruno Canfora e con arrangiamenti-non accreditati-di Morricone), nell’economia delle reti private ci si accontentava di un modesto complesso musicale e un piccolo studio di ripresa, ma l’effetto era raggiunto lo stesso.



Altro link: https://drive.google.com/file/d/1uHYqXB ... IBAAr/view
Ultima modifica di marcob35 il 28 ago 2020 20:26, modificato 3 volte in totale.
...continui,inutili,pretestuosi,ammorbanti,futili,oziosi,sterili,irragionevoli, fatui,insensati,ripetitivi e gratuiti interventi,che dispensa con straordinaria generosità in tutte le sezioni del forum affliggono pesantemente.
-"GEWURZTRAMINER"

Avatar utente
Tebaldiano
Messaggi: 15463
Iscritto il: 16 gen 2004 16:17
Località: Toscana

Re: L'opera dei Cetra!

Messaggio da Tebaldiano » 28 ago 2020 19:56

C'era già un thread aperto. Bastava cercarlo.
(Tempo di ricerca: 5 secondi)
Immagine

Avatar utente
marcob35
Messaggi: 857
Iscritto il: 07 set 2017 16:59
Contatta:

Re: L'opera dei Cetra!

Messaggio da marcob35 » 16 gen 2021 18:15

Tebaldiano ha scritto:
28 ago 2020 19:56
C'era già un thread aperto. Bastava cercarlo.
(Tempo di ricerca: 5 secondi)
Che nota presuntuosa!
E gli Amministratori che ci stanno a fare?

https://psicologi-online.it/ossessione- ... e-pulizia/
...continui,inutili,pretestuosi,ammorbanti,futili,oziosi,sterili,irragionevoli, fatui,insensati,ripetitivi e gratuiti interventi,che dispensa con straordinaria generosità in tutte le sezioni del forum affliggono pesantemente.
-"GEWURZTRAMINER"

Avatar utente
marcob35
Messaggi: 857
Iscritto il: 07 set 2017 16:59
Contatta:

Re: L'opera dei Cetra!

Messaggio da marcob35 » 16 gen 2021 18:16

"Pagliacci" *

Questa che segue è una delle tante aggiunte parodie che i Cetra fecero specificatamente sull'opera lirica, e che andate in onda in Tv a suo tempo, furono poi pubblicate e riprese in seguito da amatori e postate su YT.
Come detto più sopra la parodia (mi cito: posso?) "ha bisogno di due necessarie condizioni: che il fruitore conosca bene l’intreccio dell’originale e colga i rapporti col materiale costituente il divertimento della giocosa trasposizione: nel caso della musica, si capiscano le somiglianze e gli ammiccamenti proposti".

Solo i (tanti) vecchietti di questo Forum potranno gustare la salsa che esalta l'utilizzo di determinate canzonette in voga un tempo, nell'utilizzo parodistico, quello precisamente scelto ed usato-non un altro qualsiasi. Qualche esempio per questi "Pagliacci":

-"Tu vuoi far l'amore, Canio" (Tu vuo' fa' l'americano, 1956, Carosone) e poi sempre con gioco sulla rima "Canio";
-"Farina" (Carina, 1958, Buscaglione) e le variazioni in rima "carogna";
-"Signora Nedda pallida" (Signorinella pallida, 1931, Carlo Buti);
-"Non reggo matri bedda... Su reggi, reggi Nedda" (Reginella campagnola, 1939, Carlo Buti);
-"...Questo è il concetto dedicato a te" (Il nostro concerto, 1960, Umberto Bindi);
-"E se domani... Mettiamo il Canio, all'improvviso, giungesse qua?" (E se domani, 1964, Mina);
-"Questa piccolissima pagliacciata" (Piccola serenata, 1957, Teddy Reno).

I Cetra, oggi, pur con la loro alta professionalità, non per causa loro, ma-nello specifico-per le mutate costumanze della canzone e moda musicale, avrebbero difficoltà a rendere quella capacità graffiante e paradossale cui si riferiva Umberto Eco (Diario minimo,1963):

Perché tale è la ventura della parodia, che non deve mai temere di esagerare. Se colpisce nel segno, non farà altro che prefigurare qualcosa che poi altri faranno senza ridere-e senza arrossire-con ferma e virile serietà.


*, "Bingooo!", Antenna 3 Lombardia, 1980/83

...continui,inutili,pretestuosi,ammorbanti,futili,oziosi,sterili,irragionevoli, fatui,insensati,ripetitivi e gratuiti interventi,che dispensa con straordinaria generosità in tutte le sezioni del forum affliggono pesantemente.
-"GEWURZTRAMINER"

Rispondi