TOSCA alla Fenice

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...
Avatar utente
steccanella
Messaggi: 3191
Iscritto il: 14 feb 2007 18:48

Re: TOSCA alla Fenice

Messaggio da steccanella » 20 mag 2008 16:01

mascherpa ha scritto:Non sarebbe lecito ripetersi, ma a mio parere il problema reale di Tosca è la totale mancanza d'interesse drammatico: i primi due atti sono (a parte la "casetta") splendida musica, ma sinfonica. Il terz'atto (romanza a parte) è purtroppo uno dei piú bolsi di tutto il teatro d'opera.

..

Il mondo degli appassionati è davvero bello perchè vario, pensa che io invece trovo Tosca dal punto di vista drammaturgico di gran lunga la più stimolante di Puccini ed arrivo a dire non del solo Puccini.....il secondo atto poi è memorabile, Teatro puro ed anco modernerrimo....un noir spettacolare


Elfo Catalano

Avatar utente
legolas
Site Admin
Messaggi: 15161
Iscritto il: 20 ago 2003 09:11
Località: Bosco Atro Settentrionale
Contatta:

Re: TOSCA alla Fenice

Messaggio da legolas » 20 mag 2008 16:07

Tosca rientra nel "plot" standard mirabilmente riassunto da un amico del mio prozio spoletino che fu Segretario del Teatro lirico Sperimentale ed applicabile al 90% delle opere:

"Lu soprano ama lu,tenore, arriva lu baritono che è geloso li pija e li ammazza".
BLOND OUTSIDE, PLATINIUM INSIDE

mariocavaradossi
Messaggi: 602
Iscritto il: 14 giu 2004 16:52
Località: milano

Re: TOSCA alla Fenice

Messaggio da mariocavaradossi » 20 mag 2008 16:28

e perche' prima non pigliare il treno e andare a vederlo questo allestimento e poi parlarne ( anche male...) ?

Avatar utente
dadeluna
Messaggi: 3238
Iscritto il: 25 set 2002 11:27
Località: Viareggio (Versilia, Toscana, Italia)

Re: TOSCA alla Fenice

Messaggio da dadeluna » 20 mag 2008 16:29

Berlioz ha scritto:
marco68 ha scritto: Peró a me la Tosca musicalmente (come ad Abbado!!! giusto?) non piace molto.
Karajan diceva che un direttore dovrebbe dirigere Tosca almeno una volta l'anno... 8)
Personalmente credo che Karajan abbia detto ( e fatto) un sacco cose stupide. Questa è certo una delle più evidenti!
Da pucciniano strafatto, permettetemi di esprimermi su Tosca... Musicalmente la ritengo una delle opere meno affascinanti e meno innovative di Puccini.
Non ho paura della cattiveria dei malvagi ma del silenzio degli onesti (Martin Luther King)

Avatar utente
Jo-Jo-San
Messaggi: 6425
Iscritto il: 13 feb 2006 10:36

Re: TOSCA alla Fenice

Messaggio da Jo-Jo-San » 20 mag 2008 17:20

dadeluna ha scritto:Musicalmente la ritengo una delle opere meno affascinanti e meno innovative di Puccini.
Si parlava della sua teatralità.
[i]...Non è nulla avere la voce. La voce è importante, perchè è la prima cosa. Ma allora devi lavorare e devi capire ogni parola, ogni frase...[/i]

elfo Finwë Carnesîr (dicono sia una bella cosa...)

Avatar utente
dadeluna
Messaggi: 3238
Iscritto il: 25 set 2002 11:27
Località: Viareggio (Versilia, Toscana, Italia)

Re: TOSCA alla Fenice

Messaggio da dadeluna » 20 mag 2008 17:36

marco68 ha scritto:Apprezzo molto Carsen, anche se non mi ha convinto in alcuni allestimenti. Quando peró gli riescono sono spettaccoli che rimangono a lungo nel cuore e nella mente. E di questa Tosca piú persone me ne hanno parlato molto bene. Speriamo bene.
Peró a me la Tosca musicalmente (come ad Abbado!!! giusto?) non piace molto.
Oggi inoltre credo sia ancora l´opera piú "polverosa" nella stora dell´opera, soprattutto per regie ed allestimenti drammaticamente vecchi.
E quindi ben venga finalmene una regia di Tosca con qualche idea, anchese se discutibile...
No, scusa... Si parlava.... anche musicalmente di Tosca!
Non ho paura della cattiveria dei malvagi ma del silenzio degli onesti (Martin Luther King)

Avatar utente
WALPURGYS
Messaggi: 1004
Iscritto il: 24 nov 2004 13:48
Località: Firenze / Catanzaro

Re: TOSCA alla Fenice

Messaggio da WALPURGYS » 20 mag 2008 18:00

Tosca è per me l'opera meno "Pucciniana" e meno ruffiana (a parte la "casetta" giustamente ricordata da Mascherpa) di Puccini ed è una delle tre che salverei di tutta la sua produzione (assieme a Manon Lescaut e Madama Butterfly...tutto il resto :grrrrrrr: ).
Basti pensare al geniale uso dei temi che si rincorrono in partitura, le note cupissime, roboanti e fulminee del tema di Scarpia che aprono e chiudono l'opera con qualche variante e già inseriscono chi ascolta nella tensione emotiva di un dramma serrato e calcolato con Hitchicockiana precisione.
Pensiamo alla posizione del "Vissi d'arte" genialmente inserito a metà di una scena di tortura non vista, presente in musica, ma che proprio per questo ci fa orrore e di probabile stupro in cui il canto paradossalmente deve diventare introspezione, dubbio e commozione e contrapporsi con la crudezza di quello che avverrà dopo sia in scena sia in partitura.
La chiusura del primo atto trionfale, in cui il Te Deum viene profanato dal canto lussurioso di Scarpia e quello del secondo che inganna parendo terminare in pianissimo e che invece ci fa sobbalzare sulla poltrona...se non sono effetti speciali questi :wink: .
La "lattigginosa alba" romana con il pastorello che fa tanto "Tannhauser", "E lucean le stelle" in cui nel suono degli strumenti c'è si lo struggimento, l'erotismo, il ricordo, l'addio, ma anche i misteriosi colori e suoni della mattina.
E' vero, il duetto è un tantinello Kitsch, per non parlare delle due voci che all'unisono in stato di esaltazione si lanciano nel silenzio dell'orchestra, però l'effetto teatrale "verista" è assicurato, la sensazione di liberazione è ottenuta eppure l'episodio della finta morte, la marcia infida e rivelatrice e tutta la parte finale in cui il dolore di Tosca si fonde con l'inseguimento sono frutto di un compositore che il teatro lo conosceva bene e sapeva inchiodare l'attenzione dell'ascoltatore.
Non sarà innovatrice, ma il suo potere di presa è innegabile!

La Dessi' questo allestimento lo conosce bene, perchè già interpretato con lo Scarpia di James Morris ed è forse lo spettacolo di Carsen che, leggendo le recensioni, ha convinto meno però aspettiamo le opinioni di chi lo vedrà...tanto Tosca tra calici, angeli, trasposizioni nazi-fasciste, cardinali, Zeffirelli, de Ana, Griffi e contemporaneità è sempre vissuta (anche bene) e sa difendendersi da sola!
KUNDRY: È stato dunque il mio bacio,
che t'ha reso veggente del mondo?
La traboccante mia stretta d'amore
ti farà allora raggiungere la divinità!

Avatar utente
dadeluna
Messaggi: 3238
Iscritto il: 25 set 2002 11:27
Località: Viareggio (Versilia, Toscana, Italia)

Re: TOSCA alla Fenice

Messaggio da dadeluna » 20 mag 2008 19:25

Ma lo sai.... Ti giuro, che 'un capisco nulla di quel che dici...
Tosca è per me l'opera meno "Pucciniana" e meno ruffiana (a parte la "casetta" giustamente ricordata da Mascherpa) di Puccini ed è una delle tre che salverei di tutta la sua produzione (assieme a Manon Lescaut e Madama Butterfly...tutto il resto :grrrrrrr: ).
Allora non ti piace Puccini?????

Se è così... Allora va tutto bene. Io ti penso come meno, ma molto meno, di Torrefranca e della sua lungimiranza... e capisco qualcosa.
Non ho paura della cattiveria dei malvagi ma del silenzio degli onesti (Martin Luther King)

Avatar utente
WALPURGYS
Messaggi: 1004
Iscritto il: 24 nov 2004 13:48
Località: Firenze / Catanzaro

Re: TOSCA alla Fenice

Messaggio da WALPURGYS » 20 mag 2008 22:02

Ma no! :D :nono
Ho detto solo che le uniche opere di Puccini che adoro e ritengo capolavori (ma è gusto personale 8) :wink: ) sono Tosca, Manon e Butterfly :love: , mica ho fatto un trattato anti-pucciniano :mrgreen: come il mio conterraneo che hai citato.

Ma questo è un altro discorso OT
KUNDRY: È stato dunque il mio bacio,
che t'ha reso veggente del mondo?
La traboccante mia stretta d'amore
ti farà allora raggiungere la divinità!

mariocavaradossi
Messaggi: 602
Iscritto il: 14 giu 2004 16:52
Località: milano

Re: TOSCA alla Fenice

Messaggio da mariocavaradossi » 21 mag 2008 16:02

dadeluna ha scritto:
Berlioz ha scritto:
marco68 ha scritto: Peró a me la Tosca musicalmente (come ad Abbado!!! giusto?) non piace molto.
Karajan diceva che un direttore dovrebbe dirigere Tosca almeno una volta l'anno... 8)
Personalmente credo che Karajan abbia detto ( e fatto) un sacco cose stupide. Questa è certo una delle più evidenti!
Da pucciniano strafatto, permettetemi di esprimermi su Tosca... Musicalmente la ritengo una delle opere meno affascinanti e meno innovative di Puccini.

BEH SONO VERAMENTE STUPITO CHE QUALCUNO SI REPUTI SUPERIORE A KARAJAN NELL'ESPRIMERE GIUDIZI PRETTAMENTE MUSICALI.
CERTAMENTE UN "PUCCINIANO STRAFATTO" ... SI PUO' PERMETTERE QUALUNQUE COSA.
CERTE VOLTE VARREBBE LA PENA DI ESPORRE UMILMENTE IL NOSTRO PENSIERO SENZA PARAGONARSI A CHI, CON I PROPRI PREGI E DIFETTI, HA FORNITO UN INDISCUTIBILE CONTRIBUTO ALLA STORIA DELL'INTERPRETAZIONE MUSCIALE.
SI PUO' DIRE LO STESSO DI COLUI CHE NE CRITICA IL PENSIERO SU QUESTO FORUM??????????????????????????????????????????????????????????????????????????

Rispondi