TOSCA alla Fenice

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...
Avatar utente
Jo-Jo-San
Messaggi: 6425
Iscritto il: 13 feb 2006 10:36

TOSCA alla Fenice

Messaggio da Jo-Jo-San » 20 mag 2008 11:08

Questa la locandina:

TOSCA

melodramma in tre atti
libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica
musica di Giacomo Puccini

personaggi e interpreti principali
Floria Tosca: Daniela Dessì (23, 25, 28, 30) – Tiziana Caruso (24, 27, 29, 31)
Mario Cavaradossi: Walter Fraccaro (23, 25, 27, 29, 31) - Fabio Armiliato (24, 28, 30)
Il barone Scarpia: Carlo Guelfi (23, 25, 28, 30) – Giuseppe Altomare (24, 27, 29, 31)
Cesare Angelotti: Alessandro Spina
Il sagrestano: Roberto Abbondanza
Spoletta: Iorio Zennaro
Sciarrone: Franco Boscolo
Un carceriere: Giuseppe Nicodemo

Coro voci bianche Piccoli Cantori Veneziani
maestro concertatore e direttore: Daniele Callegari
regia: Robert Carsen
scene e costumi: Anthony Ward
light designer: Davy Cunningham
ripresa regia: Didier Kersten

Orchestra e Coro del Teatro La Fenice
Maestro del Coro: Alfonso Caiani

allestimento della Staatsoper di Amburgo

In internet si trovano varie immagine di questo allestimento (è già stato anche a Barcellona, nel 2003):

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

:arrow: Chi va??? Io ci sarò il 23.


[i]...Non è nulla avere la voce. La voce è importante, perchè è la prima cosa. Ma allora devi lavorare e devi capire ogni parola, ogni frase...[/i]

elfo Finwë Carnesîr (dicono sia una bella cosa...)

Avatar utente
paolo arreghini
Messaggi: 2348
Iscritto il: 17 ago 2004 10:44
Località: Genova

Re: TOSCA alla Fenice

Messaggio da paolo arreghini » 20 mag 2008 11:18

Non c'é che dire: un allestimento orribile. Rischia di essere peggiore di quello fiorentino che vidi con Raimondi e la Urmana.
Io non mi faccio intortare dalle mode, dai registi cervellotici, né credo nell'equazione ormai démodé ostico=cultura. La Tosca anni '40 se non '50 é idea di almeno trent'anni fa, vista e stravista.
Elfo Erestor Elendil

Avatar utente
Morgana
Messaggi: 9617
Iscritto il: 02 lug 2006 11:00
Località: Milano

Re: TOSCA alla Fenice

Messaggio da Morgana » 20 mag 2008 11:22

Siamo sempre daccapo: come la mettiamo con Napoleone e Melas, e la Regina che farebbe la grazia,e il patibolo,ecc.ecc.??? :roll:
Ultima modifica di Morgana il 20 mag 2008 11:24, modificato 1 volta in totale.
-Gli occhi che cercano in fretta solo la destinazione del viaggio non possono gustare la dolcezza del vagabondaggio (Hesse)
-Per arrivare all'alba non c'è altra via che la notte (Gibran)

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14290
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: TOSCA alla Fenice

Messaggio da mascherpa » 20 mag 2008 11:23

paolo arreghini ha scritto:Io non mi faccio intortare dalle mode...
Eppure oggi il passatismo è moda dominante. Taccio di quella di sparare luoghi comuni.
Ultima modifica di mascherpa il 20 mag 2008 12:00, modificato 1 volta in totale.
Si ce que je dis ne vous plaist pas, je ne scais qu'y faire. C'est moi, pourtant, qui exprime la vérité (JC, d'après GTdL)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

marco68
Messaggi: 301
Iscritto il: 08 feb 2006 19:52

Re: TOSCA alla Fenice

Messaggio da marco68 » 20 mag 2008 11:42

Apprezzo molto Carsen, anche se non mi ha convinto in alcuni allestimenti. Quando peró gli riescono sono spettaccoli che rimangono a lungo nel cuore e nella mente. E di questa Tosca piú persone me ne hanno parlato molto bene. Speriamo bene.
Peró a me la Tosca musicalmente (come ad Abbado!!! giusto?) non piace molto. Oggi inoltre credo sia ancora l´opera piú "polverosa" nella stora dell´opera, soprattutto per regie ed allestimenti drammaticamente vecchi.
E quindi ben venga finalmene una regia di Tosca con qualche idea, anchese se discutibile...

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14290
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: TOSCA alla Fenice

Messaggio da mascherpa » 20 mag 2008 12:02

marco68 ha scritto:Apprezzo molto Carsen, anche se non mi ha convinto in alcuni allestimenti.
È corretto supporre che tu alluda alla Traviata della Fenice e al finale del Fidelio a Firenze?
Si ce que je dis ne vous plaist pas, je ne scais qu'y faire. C'est moi, pourtant, qui exprime la vérité (JC, d'après GTdL)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
Berlioz
Messaggi: 22210
Iscritto il: 03 giu 2003 11:36
Località: Amsterdam

Re: TOSCA alla Fenice

Messaggio da Berlioz » 20 mag 2008 12:03

marco68 ha scritto: Peró a me la Tosca musicalmente (come ad Abbado!!! giusto?) non piace molto.
Karajan diceva che un direttore dovrebbe dirigere Tosca almeno una volta l'anno... 8)
Al sesso non si applica il Principio di Esclusione di Pauli.

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14290
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: TOSCA alla Fenice

Messaggio da mascherpa » 20 mag 2008 12:23

Non sarebbe lecito ripetersi, ma a mio parere il problema reale di Tosca è la totale mancanza d'interesse drammatico: i primi due atti sono (a parte la "casetta") splendida musica, ma sinfonica. Il terz'atto (romanza a parte) è purtroppo uno dei piú bolsi di tutto il teatro d'opera.

Se al posto del soprano si facesse suonare Kolja Blacher, a quello del tenore Wolfram Christ, a quello del baritono Natalia Gutman, sono convinto che il second'atto lo dirigerebbe molto volentieri anche Claudio Abbado...
Si ce que je dis ne vous plaist pas, je ne scais qu'y faire. C'est moi, pourtant, qui exprime la vérité (JC, d'après GTdL)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
paolo arreghini
Messaggi: 2348
Iscritto il: 17 ago 2004 10:44
Località: Genova

Re: TOSCA alla Fenice

Messaggio da paolo arreghini » 20 mag 2008 15:14

Ho come un vago sospetto che a te, Caro Vittorio, la Tosca non piaccia.
Il problema é che questo dramma nacque dalla mente di un drammaturgo amante dela precisione fino allo spasimo, il quale elaborò una pièce la cui vicenda si svolge nell'arco di ventiquattr'ore e i cui luoghi e spostamenti sono studiati sulla mappa della città col cronometro in mano. Persino i fatti storici in back-ground della battaglia di Marengo, la creduta vittoria, la smentita, tutto è perfettamente studiato al secondo (ed ecco perché la Regina farebbe grazia ad un cadavere).
Inoltre, il primo atto e il suo plot si basano su un quadro della Maddalena che altri non é che la marchesa Attavanti, per cui il quadro ci deve essere. Nel secondo Tosca deve uccidere Scarpia, di qui non si scappa, e nel terzo Cavaradossi deve essere fucilato. E' l'opera che meno lascia spazio ad un regista, tanto meno a idee innovative. Hanno provato a trasportare l'epoca, a fare Scarpia nazista, a farlo intervistare in tv (a Firenze, con Raimondi), a far cantare Io de' sospiri a un ragazzo di vita pasoliniano che poi viene anche rimorchiato da uno dei guardiani di Castel Sant'Angelo. Si sono scervellati i registi, ma hanno tirato sempre fuori delle boiate. Solo una volta, mi pare a macerata, ci fu un'idea geniale: Spoletta che mentre lega Cavaradossi davanti al plotone d'esecuzione gli svela i ltrucco, e il bel Mario legato che divampa...
Per carità, io vidi l'allestimento originale di Hoeheinstein all'Opera di Roma e lo ricordo di un kitsch riprovevole. C'é sempre la giusta via di mezzo, però. E se per una volta, dico una, si potesse avere uno Chènier durante la rivoluzione francese, o una Turandot ambientata a Pechino ai tempi delle favole, non sarebbe poi così male.
Elfo Erestor Elendil

Avatar utente
legolas
Site Admin
Messaggi: 15161
Iscritto il: 20 ago 2003 09:11
Località: Bosco Atro Settentrionale
Contatta:

Re: TOSCA alla Fenice

Messaggio da legolas » 20 mag 2008 15:58

Generalmente Carsen non mi delude.

Di contro mi deludono sempre le "recensioni" di un qualsivoglia spettacolo elaborate sull'osservazione, concediamo pure accurata, di un portfolio fotografico neppure tanto corposo.

Ciò premesso, mi dichiaro anche io tra i non-sostenitori di Tosca.

Tertium:
sarò alla "prima" del 23.
BLOND OUTSIDE, PLATINIUM INSIDE

Rispondi