Bayreuth 2021

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...
Avatar utente
Amfortas_Genova
Messaggi: 468
Iscritto il: 04 mag 2014 18:31
Località: Genova

Re: Bayreuth 2021

Messaggio da Amfortas_Genova » 24 lug 2021 21:14

karalis ha scritto:
24 lug 2021 17:39
Dovrebbe cantare, peraltro, il Guardiano notturno nei Meistersinger lunedì 26.
Ha confermato anche la sua presenza come Langravio nel Tannhäuser.


«Few men think; yet all have opinions»
Berkeley

Avatar utente
Amfortas_Genova
Messaggi: 468
Iscritto il: 04 mag 2014 18:31
Località: Genova

Re: Bayreuth 2021

Messaggio da Amfortas_Genova » 25 lug 2021 15:14

Trovato il nuovo Wotan: Tomasz Konieczny, il Wotan del Ring madrileno, Telramund a Bayreuth l’ultima volta (senza brillare particolarmente).

Per il 2022 una decisione sarà presa più avanti.

Personalmente spero Günther superi questo momento negativo e si dia disponibile per il prossimo anno, io lo preferisco anche a Zeppenfeld sulla verde collina.
«Few men think; yet all have opinions»
Berkeley

pbialetti
Messaggi: 593
Iscritto il: 24 mar 2011 09:45
Località: Berlino

Re: Bayreuth 2021

Messaggio da pbialetti » 26 lug 2021 08:29

Il video del Fliegender Holländer di ieri è disponibile sul sito di BR Klassik.

umangialaio
Messaggi: 1734
Iscritto il: 15 mar 2010 14:45
Località: Milano

Re: Bayreuth 2021

Messaggio da umangialaio » 30 lug 2021 10:39

Amfortas_Genova ha scritto:
25 lug 2021 15:14


Personalmente spero Günther superi questo momento negativo e si dia disponibile per il prossimo anno, io lo preferisco anche a Zeppenfeld sulla verde collina.

Veramente? A me non piace tanto, non mi ha mai convinto: al contrario di Zeppenfeld non lo trovo intenso come interprete e mi ha sempre dato l'impressione di non essere un vero basso, ma una specie di baritono corto.

Che ne pensate della Davidsen? Alla radio sembra una bella voce anche se già non più intatta. Trovo però anche lei piuttosto fredda come interprete: è riuscita a non farmi venire le lacrime agli occhi quando ha intonato Der Maenner Sippe.
Poi non so spiegare perché mi piaccia sempre KFV.

U
Ultima modifica di umangialaio il 30 lug 2021 17:01, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Amfortas_Genova
Messaggi: 468
Iscritto il: 04 mag 2014 18:31
Località: Genova

Re: Bayreuth 2021

Messaggio da Amfortas_Genova » 30 lug 2021 16:53

umangialaio ha scritto:
30 lug 2021 10:39
Poi non so spiegare perché mi piaccia sempre KFV.

U
Il grande Klausi! Non l’ho sentita ma sto cercando di raccogliere opinioni di chi c’era. Un mio amico ha detto che è stato il più emozionante spettacolo a cui abbia assistito da anni. Certo devono piacere i tempi lenti, mi parla di un romanticismo moderno di Inkinen.

Altri non sembrano così esaltati, tanti fischi inusuali per il direttore oltre a quelli di prammatica per il regista/artista.

Davidsen sugli scudi, anche se forse è da sentire subito, lo strumento potrebbe rovinarsi presto. Vediamo.

Tornando a Günther è stato un Gurnemanz energico e veramente cavaliere, non anziano consigliere come Pape o Zeppenfeld. Poi con Schager sono amici e avevano una ottima intesa sul palco. Per Wotan prometteva bene, ma parliamo di una sola serata con un paio di brani. Se avrò modo di incontrarlo gli chiederò se non pensa di potersi rimettere in careggiata per l’anno prossimo. Il Covid potrebbe averlo depresso parecchio.
«Few men think; yet all have opinions»
Berkeley

Avatar utente
Amfortas_Genova
Messaggi: 468
Iscritto il: 04 mag 2014 18:31
Località: Genova

Re: Bayreuth 2021

Messaggio da Amfortas_Genova » 08 ago 2021 11:20

Da qualche giorno John Lundgren stava provando Wotan per il Ring 2022.

Ora è ufficiale che ha accettato il ruolo per Walküre e Siegfried, mentre continua la ricerca del Wotan del Rheingold.
«Few men think; yet all have opinions»
Berkeley

Avatar utente
Amfortas_Genova
Messaggi: 468
Iscritto il: 04 mag 2014 18:31
Località: Genova

Re: Bayreuth 2021

Messaggio da Amfortas_Genova » 22 ago 2021 11:50

Bayreuth cambia un pezzettino ogni anno, a volte in meglio a volte in peggio.

Questi due anni Covid hanno portato l'eliminazione dell'ufficio postale (e dei suoi timbri personalizzati), sostituito da dei bagni moderni, e l'arrivo dei camioncini col cibo in cima alla superba Collina (perché c'è fame anche sul Walhalla).

Controlli sul pubblico sempre più serrati, con registrazione e 'braccialettatura' già dal mattino, capacità della sala al 40% (contro il 100% di Salisburgo) e divieto di usare qualsiasi spazio comune al chiuso.

Il sold out è arrivato soltanto per Tannhäuser, e credo che sia veramente una prima volta che Walküre o Meistersinger non riescano a fare il pienone.

Si parla molto di 'riforme', un eufemismo per 'mettere da parte Katharina', ma per ora solo Thielemann ha fatto un passo indietro, con ritorno immediato sul podio di Andris Nelsons (se ricordate le puntate precedenti, i due si presero aspramente per dei consigli non graditi sulla direzione di Parsifal, con abbandono del podio alla vigilia della prima da parte del maestro lettone e inaspettato debutto del coraggioso Hartmut Hänchen).
«Few men think; yet all have opinions»
Berkeley

Avatar utente
Amfortas_Genova
Messaggi: 468
Iscritto il: 04 mag 2014 18:31
Località: Genova

Re: Bayreuth 2021

Messaggio da Amfortas_Genova » 22 ago 2021 12:16

Ho assistito a due recite, la quinta di Meistersinger e la terza e ultima di Walküre.

Per Meistersinger si temeva molto la divisione del coro, come raccontato da notung nel suo blog. In sala l'effetto è perfetto, io ancora non capisco come abbiano fatto, ero in quinta fila e non ho notato mai nessuna scollatura. L'ennesimo capolavoro di Eberhard Friedrich.

La sorpresa della serata arriva all'inizio del secondo atto: siamo tutti ai nostri posti, inclusa l'orchestra, incluso il direttore Philippe Jordan, ma non si comincia. Il maestro svizzero si attacca al telefono per capire cosa sta succedendo e quando riceve la risposta può solo coprirsi il volto con le mani per lo sconcerto. Finalmente veniamo informati che David, il tenore Daniel Behle, è 'indisponiert' e verrà sostituto: un cantante in blue jeans col leggio sul proscenio, un assistente di regia in scena con maglia e pantaloni neri.

Strano, perché David sembrava stare benissimo un'ora prima. Ancora più strano perché nel terzo atto David torna a prendersi il giusto schiaffone da Hans Sachs, e non mostra problemi di sorta.

Il gossip della Collina si scatena frenetico: pare che Daniel Behle non si sia presentato all'ora prevista per la sua chiamata. Lui è arrivato poco dopo, ancora in tempo, ma ha dovuto subire la violenta ramanzina di Katharina Wagner. Invece di tacere ha risposto: "Non funziona l'altoparlante nel mio camerino, ma ora sono qua!". E lei: "No, non hai rispettato i tempi, tu questo atto non lo canti, te lo vieto!!"

Tutto questo si inserisce nella più vasta fronda dei tenori contro Katharina. Andreas Schagerl e Stefan Vinke hanno rifiutato le scritture sia per quest'anno che per il prossimo, rendendo molto difficile avere un cast all'altezza per il Ring completo. Il buon Klaus Florian Vogt è costretto da anni a fare un po' tutto, ci manca solo che gli offrano Erik. Tutto questo mentre i maggiori direttori si sono allontanati per non sottostare al capriccio di Thielemann.

Da notare che Meistersinger avrebbe dovuto avere Kränzle come Beckmesser, che si è presentato a una sola recita su cinque finora, e la sua sostituzione non è stata neppure annunciata (sarà stata ovvia?), mentre solo due giorni prima aveva cantato Don Alfonso a Salisburgo. Che i cachet di Salzburg siano ormai molto più allettanti? Il budget delle opere lì è enorme, mi hanno detto tre milioni per il solo Don Giovanni, e la Verde Collina non sembra in grado di reggere il passo.
«Few men think; yet all have opinions»
Berkeley

Avatar utente
Amfortas_Genova
Messaggi: 468
Iscritto il: 04 mag 2014 18:31
Località: Genova

Re: Bayreuth 2021

Messaggio da Amfortas_Genova » 22 ago 2021 12:43

Tornando alle più comuni impressioni da spettatore, Meistersinger è stato grandioso. Come a Milano, è stato un Michael Volle show: lui è Hans Sachs, ogni gesto è espressivo e coerente, sembra di stare al cinema con i primi piani che mostrano i dettagli più minuti del protagonista, ma senza i trucchetti 'cheap' delle telecamere sul palco (come il vecchio Kastorf).

Regia geniale di Kosky che tiene insieme la festa popolare, la ricerca del capro espiatorio da parte delle masse, i sogni e le mediocrità del sommo Richard, dalla vita alla scena e ritorno.

Jordan mancherà molto a Parigi, e temo anche a Bayreuth. Dopo anni di frequentazioni del festival, sfrutta a pieno il potenziale di coro-orchestra-edificio, col giusto mix di potenza monumentale e dettaglio.
«Few men think; yet all have opinions»
Berkeley

Avatar utente
Amfortas_Genova
Messaggi: 468
Iscritto il: 04 mag 2014 18:31
Località: Genova

Re: Bayreuth 2021

Messaggio da Amfortas_Genova » 22 ago 2021 13:52

Walküre in forma di concerto era arricchita da una performance di Hermann Nitsch. Artista dell'Action Painting viennese, movimento celebre per le azioni scandalose, Nitsch si è col tempo distinto per i toni religiosi e misterici delle sue 'opere'. Qui ha guidato un team di assistenti che gettavano colori sul palco e sul fondale, dando tinte diverse a ogni minuto della Valchiria ('das Ende' nero, amore e morte rossi, dramma e azione colori vivaci e diversi). Non così male, ma non troppo differente da una normale rappresentazione in forma di concerto. Il colore gettato a litri sul pavimento dava onestamente un rumore fastidioso.

Inkinen in buca sembra già abbastanza rodato, non è il direttore che cambia tempi in maniera sorprendente, è all'opposto di un Gergiev, c'è di buono che nella sua prevedibilità permette ai cantanti di brillare al massimo, lui si accontenta di un cantuccio.

Tra le stelle sul palcoscenico brilla particolarmente luminosa quella di Lise Davidsen, dotata non solo di mezzi vocali straordinari, ma capace anche di recitare senza avere un regista a disposizione, espressiva anche in un sacco di tela nera.

Vogt soffre un po' il ruolo subito drammatico di Siegmund: lui sembra più a suo agio dove può entrare declamando come in Tannhäuser, Lohengrin o Fidelio, vuole subito l'aria (tra virgolette).

Sorprende in positivo il Wotan 'avventizio' di Konieczny: cerca di dare carattere e forza ad ogni nota, non sempre gli riesce, ma viste le premesse è da apprezzare.

E qui possiamo tornare a un altro grande 'assente': Günther Groissböck. Il basso, ticinese d'adozione, era stato scritturato come Wotan, aveva poi rinunciato dopo la generale, ma era pronto a cantare "Leb wohl du kühnes, herrliches Kind" in concerto sotto la bacchetta di Andris Nelsons. Peccato che all'ultimo ciò gli sia stato vietato dalla solita Katharina. Lui non l'ha presa benissimo, a Meistersinger non si è neppure presentato agli applausi finali (era Nachtwächter). Poi è stato rassicurato da Nelsons che potrà cantare il suo "Leb wohl" almeno a Riga, dove gli artigli di Katharina non arrivano.
«Few men think; yet all have opinions»
Berkeley

Rispondi